×

Sedie e comodità: caratteristiche

Le sedie, oltre ad essere belle esteticamente, devono essere comode. Ecco una lista di caratteristiche che una sedie deve possedere per poter essere comoda.

Quando acquistiamo delle Sedie o un oggetto di design, oltre a tenere in considerazione la bellezza dell’oggetto, un altro elemento da non trascurare è sicuramente la sua comodità. La bellezza è sicuramente un elemento soggettivo, ma la comodità ha una componente indiscutibilmente oggettiva.

La comodità di una sedia è abbastanza soggettiva, ma esistono dei criteri oggettivi per progettare una sedia in modo che sia oggettivamente comoda. La comodità è una sensazione che procura benessere, così una sedia comoda è una seduta che provoca benessere fisico al nostro corpo. Una sedia comoda è ben progettata, ed è in grado di accogliere la maggior parte delle persone in maniera agevole. Ecco alcune infomazioni da sapere per poter acquistare delle sedie comode e delle sedie ergonomiche.

I materiali costruttivi

Elemento fondamentale per definire la comodità di una seduta è il suo materiale superficiale, indipendentemente dai suoi materiali strutturali. Le sedie dal comfort maggiore sono quelle in pelle, ecopelle e tessuto: in quanto dotate di un’imbottitura morbida ed accogliente. In questo caso sarà l’imbottitura stessa ad adattarsi perfettamente alle forme del corpo.

La sedia in cuoio, invece, essendo molto più rigida in superficie e con una scarsa capacità di adattamento sarà molto più ergonomica dal punto di vista strutturale.

Le sedie in legno, laccate, in materie plastiche ed in metallo sono dotate di una superficie dura. Dunque la loro progettazione è orientata ad una maggior ergonomia, in modo da rendere materiali duri e poco duttili comodi e confortevoli. Infatti questi tipi di sedute sono dotate di curve e sagomature al fine di rendere più piacevole possibile l’esperienza dell’utente.

La seduta

Le sedute generalmente hanno un’altezza fissa collocata nell’intervallo di 43 – 47 centimetri, al fine di essere proporzionali all’altezza dei tavoli la quale oscilla tra i 75 – 76 centimetri. Mentre per quanto riguarda la larghezza della seduta il suo valore oscilla tra i 38 e i 50 centimetri.

Le sedute sono spesso sagomate, al fine di migliorarne l’accoglimento: infatti, le sedute costituite da materiali duri presentano sempre un incavo verso il centro per ragioni ergonomiche. Le sedute sono spesso inclinate, con la parte più alta davanti e la parte appena più bassa dietro, soprattutto quando lo schienale invita ad abbandonarsi all’indietro.

Alcune sedie offrono una seduta elastica: cioè che mostra delle oscillazioni con il peso di colui che si sta sedendo. Ciò è possibile con le Sedie con Gambe a Slitta e struttura in metallo, le quali sono aperte nella parte posteriore: questo permette loro di oscillare in altezza offrendo una piacevole sensazione di comodità.

Lo schienale

Fondamentale, sia per l’estetica che per l’ergonomia di una seduta, è lo schienale. Lo schienale deve sostenere la schiena senza “tagliarla” troppo in basso. E’ importante che lo schienale non abbia un’altezza inferiore ai 32 – 33 centimetri rispetto alla seduta.

Naturalmente, lo schienale potrà essere più alto e dunque capace di sostenere la schiena nella sua interezza fino ad arrivare alle scapole, anche se poi superato una certa altezza diventerebbe troppo impattante a livello estetico.

Normalmente gli schienali non sono mai perfettamente verticali, bensì lievemente inclinati all’indietro, e mostrano spesso una variazione dell’inclinazione a metà dello schienale, proprio in corrispondenza dei reni per adattarsi meglio alle curve naturali della spina dorsale. Spesso, infine, gli schienali godono di una loro naturale elasticità che ha la doppia funzione di offrire comfort all’utente e resistenza alla struttura stessa.

I braccioli

E’ innegabile che le sedie con braccioli hanno un maggiore comfort, ma sono anche molto belle ed esteticamente valide. I braccioli hanno un’altezza fra i 15 e i 23 centimetri al di sopra della seduta, questo al fine di favorire l’appoggio del braccio e per riuscire a accostare agevolmente la seduta al tavolo. E’ anche evidente che molto spesso le sedie con braccioli risultano poco funzionali in favore di una maggiore qualità estetica. Nonostante questo, però, la soluzione con i braccioli è indubbiamente più comoda. 


I nostri marchi